Karadzic condannato a 40 anni per il genocidio di Srebrenica

Postato a by Alessio Scalzo

Radovan Karadži?

 

Radovan Karadzic è stato condannato a 40 anni, dopo essere stato riconosciuto colpevole di dieci capi d’accusa per crimini contro l’umanità, crimini di guerra e il genocidio di Srebrenica.

Questo è il verdetto del Tribunale penale internazionale dell’Aja (Tpi), che lo ha assolto da uno dei due capi d’accusa per genocidio.

L’ex leader politico dei serbi di Bosnia è stato ritenuto responsabile dai giudici per le migliaia di musulmani bosniaci uccisi l’11 luglio 1995, durante quello che è passato alla storia come il massacro di Srebrenica, attuato dalle truppe serbo-bosniache guidate dal generale Ratko Mladić, con l’appoggio del gruppo paramilitare degli “Scorpioni”.

Radovan Karadzic è anche colpevole per la campagna di bombardamenti e l’assedio della città di Sarajevo, secondo quanto stabilito dal Tribunale penale internazionale dell’Aja (Tpi). Il Tpi ha inoltre stabilito che Karadzic è «penalmente responsabile» per omicidio, attacco ai civili e di aver terrorizzato Sarajevo nei 44 mesi di assedio della città, dove morirono oltre 10mila persone.

La corte ha ritenuto invece insufficienti le prove per estendere l’accusa di genocidio alle stragi avvenute in sette villaggi della Bosnia Erzegovina: Bratunac, Prijedor, Foca, Kljuc, Sanski Most, Vlasenica e Zvornik. Per questi episodi la condanna nei suoi confronti è stata per crimini contro l’umanità, omicidio e persecuzione.

Il giudice O-Gon Kwon a tal proposito ha spiegato che il Tribunale non ha potuto stabilire con certezza se Karadzic avesse «l’intento genocida di distruggere un gruppo», sebbene siano stati compiuti crimini di massa nei sette comuni bosniaci sopraelencati.

Info sull'Autore
Alessio Scalzo

Nato nella terra di Pirandello e Sciascia, vivo e lavoro a Milano da un bel po' di tempo ormai. Leggo un po' di tutto e seguo con interesse le evoluzioni del mondo e dell'editoria.